grazie a Emanuele da Sondrio